Workshop #3 L’attore autore (2-3-4 e dal 15 al 18 febbraio)

 

Workshop #3: L'Attore Autore. Studio sui "Sei personaggi in cerca d'autore" e "I Giganti della montagna" di Luigi Pirandello

a cura di Saverio Tavano e Opera Nazionale Combattenti

Il workshop è suddiviso in due moduli.

Modulo I (dal 2 al 4 febbraio)

Studio sui Sei personaggi in cerca d’autore, a cura di Saverio Tavano

Un personaggio, signore, può sempre domandare a un uomo chi è. Perché un personaggio ha veramente una vita sua, segnata di caratteri suoi, per cui è sempre "qualcuno".

Mentre un uomo - non dico lei, adesso - un uomo così in genere, può non essere "nessuno".

Luigi Pirandello (Sei personaggi in cerca d’autore).

Quest’incontro introduce i principi del lavoro sull'improvvisazione, analisi e messa in scena del testo “Sei personaggi in cerca d'autore” di Luigi Pirandello.

La scelta del testo è nata dalla necessità di analizzare l'assurdità del teatro che finge, il teatro non può essere rappresentazione, ma solo vita, e quindi può essere, può accadere, una volta sola, nella sottile linea di confine che esiste tra attore e personaggio, tra finzione e realtà.

L'improvvisazione preparerà a rispondere con immediatezza agli stimoli esterni, nella consapevolezza che l'azione e la parola possano nascere da un'esperienza di senso, generata unicamente da un'intima verità, che attende solo di essere svelata.

Un attore che si prepara al lavoro analizza il testo, ne sviluppa le azioni, lo status emotivo, i conflitti interiori, fino ad arrivare gradualmente alla costruzione di un'entità: il personaggio.

Nel processo inverso l'attore-autore utilizza il suo personale potenziale emotivo come nucleo portante, che funge da vettore nel processo di improvvisazione, che non ha lo scopo psicologico di svelare ciò che è legato al vissuto personale, ma che parta da un'intima urgenza e induca gradualmente nella compilazione delle parole, direzionate dall'obbiettivo di raccontare una specifica situazione teatrale.

L'attore è o dovrebbe essere nel suo piccolo un operatore sociale, un poeta, uno scrittore, un giornalista impegnato sempre nello sforzo di mostrare sempre nel modo più oggettivo e veritiero l’essenza umana.

Le lezioni comprendono lo sviluppo di una metodologia risultato di un lungo lavoro di sintesi di esperienze diverse per sviluppare consapevolezza rispetto ai meccanismi dell’improvvisazione scenica, partendo dal personale e unico materiale umano, attraverso l’uso del corpo in relazione agli altri corpi, in relazione allo spazio e agli oggetti.

L'improvvisazione preparerà a rispondere con immediatezza agli stimoli esterni, nella consapevolezza che l’azione e la parola possano nascere da un’esperienza di senso, generata unicamente da un’intima verità, che attende solo di essere svelata.

Modulo II (dal 15 al 18 febbraio)

I giganti della montagna - prima scena (dal 15 al 18 febbraio), a cura degli attori della compagnia Principio Attivo Teatro

Il laboratorio prende le mosse da un approccio attoriale al testo.

Fasi di lavoro:

  1. Scoperta del corpo dell’attore
  2. Scoperta dello spazio in cui l’attore agisce
  3. Training fisico
  4. Caratterizzazione dei personaggi
  5. Approccio alla messa in scena

Nella nostra esperienza teatrale e nella nostra idea di teatro, il testo è sempre una funzione della scena, o meglio uno dei tanti linguaggi che si sintetizzano sulla scena.

Il laboratorio viene quindi condotto a partire dal corpo dell’attore, si procede quindi a dare alcune informazioni sulla presenza scenica, e a iniziare un piccolo training fisico che fa parte dell’allenamento dell’attore stesso.

Da qui si procederà per dare consapevolezza dello spazio di azione dell’attore, la scena, e a introdurre alcuni elementi fisici legati al movimento che portano alla caratterizzazione dei personaggi.

Si cercherà, con questo piccolo bagaglio di approntare la prima scena dei Giganti della Montagna di Luigi Pirandello.

Si consiglia ai professori di leggere in classe o di far leggere agli allievi I Giganti della Montagna.

Fondamentale che gli allievi possano apprendere quindi con un approccio ludico e allo stesso tempo serio e vero, alcuni elementi dell’arte attoriale e della messa in scena.

Il workshop si terrà presso l'Auditorium comunale di Polistena (RC)

Workshop ore 16-18:
15€ studenti
35€ adulti
La quota comprende la visione dello spettacolo "Opera Nazionale Combattenti presenta I Giganti della Montagna - Atto III" in scena il 17 febbraio;
25€ abbonati alla stagione #RiPassiTeatrali.

info: 3487623393, 3477546442; info@dracma.org

 

 

 

 

I commenti sono chiusi